6 criteri utili per scegliere un exchange di criptovalute
Pagina principale Tutorial, Criptovalute, Bitcoin
Hot topic
13 Marzo
2735 2k

Come scegliere l’exchange che fa per te? La Cnbc ha raccolto il parere di alcuni esperti del settore per aiutare gli utenti a districarsi nell’ampia offerta di piattaforme di scambio di criptovalute.

“Gli investitori dovrebbero valutare gli exchange e le società che li gestiscono, così come farebbero con qualsiasi altra istituzione a cui si affiderebbero per mettere al sicuro il proprio denaro, come le banche”, ha dichiarato Richard Hendrix, analista di criptovalute presso Real Ventures, una società d’investimento in capitale di rischio con sede a Montreal che opera in questo mercato.

E ancora: “Da quanto tempo operano? Sono assicurati? Chi li gestisce? Qual è la loro reputazione nel mercato?”.

Queste e altre domande riecheggiano nelle parole di molti altri addetti ai lavori che hanno provato a selezionare i criteri più utili nella scelta di un exchange su cui operare. Eccone una carrellata.

1. Affidabilità

La piattaforma sarà in grado di operare senza problemi quando il volume di trading sarà molto elevato o il prezzo delle valute subirà un whipsaw? Gli esperti sostengono che gli utenti dovrebbero setacciare internet e il sito stesso in cerca di registrazioni di crash del sistema e sospensioni delle negoziazioni.

“Dato l’inadeguato quadro normativo, penso che Twitter e Reddit siano le uniche opzioni per valutare la reputazione di un exchange”, ha affermato John Quinn, fondatore e responsabile delle entrate di Storj Labs, un servizio di cloud storage che utilizza la blockchain.

“La principale preoccupazione per qualsiasi investitore in un exchange di criptovalute è la possibilità di frodi o attacchi informatici dovuti alla scarsa sicurezza o alla mancanza di protezioni per gli investitori”. Il suo suggerimento è quello di conservare denaro e criptovalute in un portafoglio separato dal sito utilizzato per i trade.

2. Questioni normative

Una ricerca sul web dovrebbe portare velocemente alla luce ogni tipo di questione normativa, in quanto questi siti sono talvolta entrati nel mirino di autorità di regolamentazione cinesi e sudcoreane.

La Corea del Sud, per esempio, sta cercando di restringere il trading di criptovalute soltanto ad exchange qualificati e di applicare un’imposta sulla plusvalenza sul trading di criptovalute.

3. Supporto offerto agli utenti

È possibile ottenere una risposta ad una domanda da un essere umano qualificato o si viene indirizzati verso una pagina delle FAQ del tutto insoddisfacente oppure al forum degli utenti? “Persino nei migliori exchange, l’assistenza al cliente è un enorme problema”, ha affermato Hendrix, facendo notare che è “quasi impossibile” avere qualcuno a telefono che aiuti con i problemi tecnici, persino nel caso di alcuni degli exchange più conosciuti.

4. Margine

I grandi trader possono acquistare criptovalute con margine così come fanno con i titoli; si tratta quindi di una funzione da ricercare se si vuole diventare degli investitori.

Come fare trading a margine col bitcoin

5. Commissioni

Ovviamente, è importante sapere che verrà chiesta una tariffa per ogni commissione e un buon sito elenca le commissioni prima di eseguire un trade. “Prestate attenzione ai costi occulti e ai caratteri piccoli”, ha dichiarato Patrick Gray, fondatore e AD di HashChain Technology, un’azienda di mining di criptovalute. Queste tariffe possono riguardare il trading, il deposito o il prelievo di fondi.

“Alcuni exchange sono chiari in merito alle loro commissioni, mentre altri le nascondono”. Coinbase, ad esempio, presenta un “tasso di base” del 4% applicato al valore della transazione, ma presenta vari metodi per ridurre la tariffa a seconda della dimensione della trade e se è finanziata da denaro sul conto o se si attinge da una banca o una carta di credito.

Date inoltre un’occhiata agli aggiornamenti dell’exchange, dato che anch’essi potrebbero influenzare i costi delle transazioni. Coinbase e Bitfinex per esempio stanno adottando un aggiornamento chiamato SegWit, che dovrebbe ridurre le commissioni fino al 20% e velocizzare le transazioni.

6. Garanzie di sicurezza

In alcune piattaforme, agli utenti è stato sottratto del denaro da parte di hacker. Per questo motivo, un passato di attacchi informatici scoperti tramite una ricerca di notizie e di annunci della società dovrebbe essere un campanello d’allarme, a meno che l’azienda non dimostri di aver rafforzato le sue difese. Secondo gli esperti, è quasi certo che gli hacker sondino le piattaforme di trading continuamente.

“La principale preoccupazione per qualsiasi investitore in un exchange di criptovalute è la possibilità di frodi o attacchi informatici dovuti alla scarsa sicurezza o alla mancanza di protezioni per gli investitori”, ha affermato Gray.

Gray esorta i trader a cercare delle piattaforme che facciano uso dell’autenticazione a due fattori durante il login, come una password e un codice a rapida scadenza generato da un’app per telefono.

“Più le criptovalute diventano popolari, più gli investitori si aspettano da queste imprese lo stesso livello di sicurezza a cui sono abituati con le loro banche e broker”, ricorda Bora Ozkan, professore di Finanza alla Fox School of Business.

Fonte: Cnbc

Leggi anche:

Хотите узнать больше о гражданстве за инвестиции? Оставьте свой адрес, и мы пришлем вам подробный гайд

Perfavore descrivi l'errore
Chiudere
Chiudere
Grazie per la tua registrazione
Diventa nostro fan su Facebook così da continuare a creare contenuti interessanti gratuiti