Lettera della FINMA alle banche: Le criptovalute comportano rischi di copertura dell’800%
Pagina principale Notizie, Criptovalute, Bitcoin, Regolamentazione
Hot topic
6 Novembre
936 936

LA FINMA, l’autorità di vigilanza sui mercati finanziari della Svizzera, ha consigliato alle banche e alle altre istituzioni finanziarie di tenere presente che il rischio di copertura associato alle criptovalute può arrivare all’800%, secondo quanto riportato dal portale di notizie Swissinfo.

Queste stime sarebbero contenute in una lettera della FINMA inviata a EXPERTsuisse, un’associazione di esperti in materia fiscale e di revisione. La lettera, di cui Swissinfo ha visionato una copia, inizia così:

“La FINMA ha recentemente ricevuto un numero crescente di richieste di informazioni da parte di banche e broker di valori mobiliari che detengono posizioni in criptovalute e sono soggetti ai requisiti patrimoniali, alle disposizioni sulla ripartizione del rischio e alla regolamentazione per il calcolo dei coefficienti di liquidità a breve termine”.

Nella lettera, la FINMA raccomanda ai fornitori di servizi finanziari di attribuire a ogni posizione aperta sugli asset digitali una ponderazione del peso del rischio di credito e del rischio di mercato pari fino all’800%.

Se, con il bitcoin attualmente a quota 6425 $, una banca svizzera volesse seguire queste indicazioni, allora dovrebbe detenere 51400 $ per ogni bitcoin presente nei suoi libri contabili.

L’agenzia ha aggiunto inoltre che le sue stime non cambiano a seconda del metodo di conservazione delle criptovalute (banca o portafoglio di negoziazione) e che questi asset non presentano sufficiente liquidità.

Leggi anche:
Perfavore descrivi l'errore
Chiudere
Chiudere
Grazie per la tua registrazione
Diventa nostro fan su Facebook così da continuare a creare contenuti interessanti gratuiti