L’exchange decentralizzato Bancor è stato hackerato: rubati 13,5 milioni di dollari
Pagina principale Riassunto, Cina, Criptovalute, Bitcoin, Mining, Exchange
Hot topic
10 Luglio
985 985

Le notizie più importanti del giorno

L’exchange decentralizzato Bancor è stato hackerato: rubati 13,5 milioni di dollari

L’exchange decentralizzato Bancor ha dichiarato che degli hacker hanno rubato circa 12 milioni di dollari in ETH, 1 milione di dollari in NPXS e 10 milioni di dollari in BNT, il token nativo della piattaforma, sfruttando una vulnerabilità nel wallet utilizzato dall’azienda per aggiornare gli smart contract.

Sebbene Bancor abbia ridotto i danni congelando i BNT rubati, la società ha comunque perso circa 13,5 milioni di dollari a causa di questo attacco informatico.

La piattaforma sostiene inoltre che “nessun portafoglio utente è stato compromesso”. Bancor è ancora offline al momento della stesura di questo articolo, mentre il prezzo dell’ether registra un calo di oltre il 6%.

Le criptovalute potrebbero diventare un mezzo di pagamento ampiamente diffuso entro 10 anni

Un nuovo studio realizzato dall’Imperial College London e dalla piattaforma di trading britannica eToro ha suggerito che le criptovalute hanno il potenziale per diventare una soluzione di pagamento mainstream “entro la prossima decade”.

Secondo lo studio, le criptovalute come il bitcoin stanno già soddisfacendo uno dei tre criteri fondamentali del denaro in quanto agiscono come riserva di valore, ma devono ancora soddisfare gli altri due requisiti, ovvero venire usate come mezzo di scambio e servire da unità di conto.

3 importanti economisti americani dicono che la regulation ucciderà il bitcoin

L’economista premio Nobel Joseph Stiglitz, insieme ai suoi colleghi Kenneth Rogoff e Nouriel Roubini, ha sostenuto che il bitcoin fallirà come valuta a causa dell’assenza di valore intrinseco e dell’alta volatilità dei prezzi. Inoltre, secondo Stiglitz, le criptovalute consentono “attività nefaste”, che le autorità di regolamentazione finanziaria globali non tollereranno mai. “Non appena diventerà significativo, useranno il martello”, ha aggiunto.

Cryptojacking in Cina: la polizia arresta 20 persone

Negli ultimi due anni in Cina sono state arrestate 20 persone con l’accusa di pirateria informatica: gli hacker avrebbero colpito oltre un milione di computer e generato profitti illeciti per 15 milioni di yuan (circa 2,2 milioni di dollari). I sospetti hanno riferito di aver creato e distribuito uno script in stile “cavallo di Troia” nascosto in plugin scaricabili gratuitamente, che è stato programmato per il mining di criptovalute ogni volta che l’utilizzo della CPU del computer dell’utente scendeva sotto il 50%.

The Pirate Bay usa ancora i computer dei visitatori per minare Monero

The Pirate Bay, famoso sito dove scaricare torrent, ha aggiunto un disclaimer nel quale afferma che le CPU dei visitatori saranno utilizzate per minare Monero (XMR): “Se non sei d’accordo per favore esci dal sito ora oppure installa un adBlocker”. A settembre The Pirate Bay aveva già condotto un test per minare Monero utilizzando le CPU dei visitatori, anche se il passaggio è stato ampiamente criticato in quanto tale estrazione via browser può provocare una diminuzione delle prestazioni e il riscaldamento del computer, oltre ad avere un impatto sulla longevità della CPU.

La capitalizzazione totale del mercato delle criptovalute è di 258 miliardi di dollari.

  • Nelle ultime 24 ore il bitcoin (Bitcoin) perde il 3,29% a 6543 $.
  • Ethereum (ETH/USD) perde il 6,78% a 451 $.
  • Ripple (XRP/USD) perde il 5,14% a 0,45 $.
  • Bitcoin Cash (Bitcoin.Cash) perde il 5,58% a 708 $.
  • EOS (EOS/USD) perde l’11,16% a 7,57 $.

Migliore performance nella top 100: Bitcoin Diamond (+9,78%)

ICO in corso

Le prossime ICO

  • 27 luglio: Woow-Cams
  • 1 settembre: Cryptocean

Per un elenco completo delle ICO in corso e di quelle future, clicca qui.

A cura di Corrado Nizza

Leggi anche:
Perfavore descrivi l'errore
Chiudere
Chiudere
Grazie per la tua registrazione
Diventa nostro fan su Facebook così da continuare a creare contenuti interessanti gratuiti