Il mercato obbligazionario fa bene a preoccuparsi per il voto degli italiani
Jon Nazca/Reuters
Pagina principale Analisi, Italia, Referendum costituzionale
Hot topic
25 novembre 2016
489 489

Tra meno di due settimane, gli Italiani voteranno in un referendum per decidere se cambiare la costituzione della propria nazione o no.

I sondaggi suggeriscono costantemente che il governo perderà la votazione; anche l'ex primo ministro Mario Monti ha detto a Bloomberg Television che voterà per il "no".

E il mercato obbligazionario sta segnalando che ci possono essere più poste in gioco oltre all'incarico di primo ministro di Matteo Renzi.

Il costo di 10 anni di indebitamento in Italia è in costante marcia superiore rispetto a quello della Spagna a partire dalla metà dell'anno. I rendimenti italiani erano stati inferiori a quelli spagnoli a partire dalla metà dello scorso anno; la domanda di premio agli investitori per i prestiti in Italia è salita a quasi il 0,6% questo mese, il livello più alto dal 2011:

I bond tedeschi con scadenza a due anni nel frattempo hanno appena stabilito un nuovo record minimo di meno 0,71%. Questo è un chiaro segnale che gli investitori a reddito fisso sono alla ricerca di paradisi, anche in mezzo ad un aumento generale dei rendimenti. "Fino a che punto il problema italiano abbia trascinato verso il basso l'intero complesso dei titoli di Stato europei non è del tutto chiaro, ma c'è sicuramente una nuvola di vapore che rischia di essere spazzata il 5 dicembre", dice Anthony Peters, stratega presso Sol Capital.

Ciò che preoccupa gli investitori non è il fallimento di Renzi nell'attuare il suo pacchetto di riforme istituzionali. La preoccupazione è cosa succede se, come previsto, si dimetterà e ci saranno di nuovo le elezioni. Holger Schmieding, Chief Economist presso Berenberg Bank a Londra, ha calcolato che i partiti politici, o che chiedono un referendum per l'adesione all'euro in Italia, o che esprimono l'ambivalenza al progetto, "potrebbero vincere più del 50% dei voti, nel caso di elezioni anticipate," un risultato di gran lunga superiore a quello dei suoi vicini europei:

Schmieding dice che vede "la potenziale crisi politica in Italia" come un rischio chiave per l'Europa nel prossimo anno. Lorenzo Guerini, vice-segretario del Pd di Renzi, ha detto al giornalista John Follain di Bloomberg News questa settimana che il partito cercherà elezioni anticipate entro l'estate del prossimo anno se perderà il referendum. Con il Movimento Cinque Stelle, che vuole un referendum sull'appartenenza all'eurozona, appena dietro il Pd nei sondaggi, c'è la possibilità concreta che un partito anti-euro potrebbe ottenere le redini del potere italiano entro la metà del prossimo anno.

Anche allora, il M5S non potrebbe immediatamente minacciare di abbandonare l'euro. Come ha sottolineato Maxime Sbaihi di Bloomberg Intelligence, "solo una vittoria elettorale, una maggioranza parlamentare stabile e, ultimo ma non meno importante, un cambiamento nella costituzione permetterebbe loro di tenere un referendum in materia di trattati internazionali".

Ma c'è un altro colpo di scena. L'Italia ha inoltre introdotto una legge elettorale a luglio chiamata Italicum, che dà posti bonus al più grande vincitore alle elezioni. Erik Nielsen, capo economista di UniCredit SpA, dice che il cambiamento ha creato un sistema dove "il partito vincente prende tutto il sistema", e ciò è "troppo pericoloso in un sistema multi-partitico con in corsa un partito radicale fuori dagli schemi e controcorrente come il M5S”.

A dire il vero, mentre gli investitori obbligazionari stanno punendo l'Italia su base relativa, il cambiamento nella percezione contro la Spagna non è ancora sufficiente per danneggiare il paese economicamente. Su una base media ponderata, l'Italia paga gli interessi del 3,4% sui suoi debiti. L'attuale costo del prestito con scadenza a 10 anni è ben al di sotto; anche dopo il recente salto, il denaro in Italia è ancora più conveniente rispetto alla media degli ultimi anni:

Sulla scia del voto in U.K. per la Brexit e l'elezione di Donald Trump, c'è il rischio che inizieremo a saltare sulle ombre, percependo che delle implicazioni possano cambiare il mondo ad ogni evento politico in corso.

Il referendum costituzionale in Italia del 4 dicembre può essere un caso in questione; non è inevitabile che il governo perderà il voto, o che una perdita minaccerà ulteriori turbolenze dell'Unione Europea, o che le elezioni anticipate metteranno il partito dei Cinque Stelle al potere. Ma il mercato obbligazionario non è in vena di correre rischi. Per gli investitori a reddito fisso, l'anno potrebbe finire con un bel botto, piuttosto che con un lamento.

Fonte:Bloomberg

Leggi anche:
Perfavore descrivi l'errore
Chiudere